Il Cardinale e il labirinto di Dedalo
di Francesco Bellanti
ISBN: 978-88-5516-498-6
Formato: Rilegato
Genere: Narrativa
Collana: Kimera
Anno: 2020
Pagine: 616
Disponibile anche in formato eBook

Era seduto su uno scranno di velluto purpureo, stringeva una cetra col braccio sinistro e la Divina Commedia col braccio destro. Era veramente un Dante Alighieri corrucciato e superbo, con lo sguardo sdegnoso e coi paludamenti solenni, così il “Padre della Patria” passare volle alla posterità. Marsioni era Dante, novello aèdo malinconico in un tempo di follia. Era l’altero Dante e da quello scranno purpureo declamava versi immortali, mentre i vari maghi e stregoni tentavano ancora disperatamente di rintracciare lo spirito di suo padre.
Era un Dante molto attendibile, per via di quell’accento tosco con cui pronunciava le parole e per quel tono austero e orgoglioso con cui recitava anche versi prosaici come: “Ed elli avea del cul fatto trombetta”. Era un Dante che annunciava la fine della storia, certamente credibile in un pianeta disperato. Quando parlava tremavano i muri e le orecchie della perduta umanità del suo piccolo mondo, quando cantò Ugolino della Gherardesca che rodeva il cervello dell’arcivescovo Ruggieri, nel suo volto e nella sua voce parve materializzarsi tutto il dolore dei millenni: dovettero fermarlo, i vicini del quartiere volevano dar fuoco al palazzo.

     
  • Il blog " La Zona Morta" segnala il libro "Il Cardinale e il labirinto di Dedalo" di Francesco Bella...
Nessun commento inserito
Per inserire un commento dei effettuare l'accesso

DELLO STESSO GENERE