L'Io e la sua Ombra - Breve storia del Doppelgänger: la nascita, l'ascesa, l'apoteosi, la decadenza di un mito, viste attraverso la psicologia, il cinema e la letteratura
di Giuseppe Caroli
ISBN: 979-12-5466-002-7
Formato: Rilegato
Genere: Saggi letterari
Collana: Officina delle idee
Anno: 2022 - Mese: aprile
Pagine: 370

Disponibile in tre giorni

Disponibile anche in formato eBook


19,00 €
Aggiungi al carrello

Sintesi

La rappresentazione cinematografica della follia, del disturbo mentale, ha una lunga storia, specialmente se si prendono in esame tutti quei film che affrontano l’argomento adottando una chiave di lettura psicologica. Che si tratti di pellicole dai toni drammatici o più leggeri, il cinema, soprattutto quello statunitense, ha mostrato da sempre un forte interesse per i misteri della mente umana e le sue sofferenze, non sempre con esiti memorabili. Nella premessa al suo saggio, Giuseppe Caroli opera una distinzione tra il cinema realistico/didattico, in cui conta l’aspetto della credibilità, e il cinema di altri generi il cui requisito principale dovrebbe essere, piuttosto, la coerenza narrativa. Questo presupposto è alla base dell’analisi dei film presi in considerazione. L’autore scandaglia la relazione cinema-psiche. L’argomento centrale di quest’opera è il Doppio, in tutte le sue declinazioni: l’Ombra, il Sosia, i Gemelli, il Vampiro, i Revenants (coloro che tornano dalla morte), la Doppia personalità.
Perché proprio il Doppio o meglio il Doppelgänger (il Doppio che non può fare a meno del suo originale)? Si tratta di un’immagine antica (forse neolitica e animista) che ricorre nelle tradizioni e nella mitologia delle più disparate culture come il lato umano che sopravviverà alla morte del corpo, in parte componente dell’Io in parte estraneo, comunque necessario alla possibilità di accedere a una vita ultramondana. Spesso il Doppio perde la sua funzione di parte integrante dell’Io in quanto utilizzato come serbatoio dei desideri, delle emozioni, dei vissuti prodotti dall’Io che esso stesso rifiuta, perché in antitesi con la personalità “diurna”, l’unica ritenuta socialmente accettabile.
In questo caso diviene un’entità a noi speculare ma maligna e persecutoria, in quanto voce di uno degli aspetti più profondi della psiche umana: l’ambivalenza. Nel passare in rassegna le varie forme che il Doppio può assumere, Caroli spazia dalla letteratura all’antropologia, oltre a elencare, chiaramente, le opere cinematografiche che le vedono protagoniste, contemperando più livelli di analisi e fornendo diversi spunti di riflessione.

Giuseppe Caroli è nato a Bari il 24 marzo 1956, ma da tanti anni è residente a Modena. Nel 1982 si è laureato in Medicina, specializzandosi poi in Psichiatria. Con la Casa Editrice Kimerik ha già pubblicato La breve storia di Mimì Italiano (2017), Abbasso l’olio d’oliva (2019), Gezz (2020) e Tango? - Ovvero il maresciallo Drago, lo scrittore fantasma e l’indomita Desde (2021).

Leggi la biografia completa
  • ?? Fiera di Modena ??Noi ci saremo, ecco il calendario, vi aspettiamo alla presentazione di un nostr...
  • 08/05/2022 14:30:00 - L'io e la sua ombra, presentazione al Modena Buk Festival
  • 13/05/2018 17:00:00 - La breve storia di Mimì Italiano, presentazione al Salone del Libro di ...
Nessun commento inserito
Per inserire un commento devi effettuare l'accesso

DELLO STESSO GENERE